giovedì 22 agosto 2013

L’occhio e il mirino


 Fosca Masucco è una mia 'amicablogger' ed è anche la mia poetessa contemporanea preferita (quanto sono fortunata!).

Credo che scrivere poesie di questi tempi sia un'impresa difficilissima, ci vuole coraggio e talento e a Fosca non manca ne l'uno ne l'altro. Il suo mondo è complesso e semplice allo stesso tempo con una struttura interna 'a impalcature'. E' domestico e trascendente, è modesto e allo stesso tempo compiacente del proprio controllo delle parole e dell'estetica della comunicazione. La sua poesia è minimale (ma non troppo), è astratta (ma non troppo), è leggera (ma non troppo), è familiare (ma non troppo) ed è equilibrata. Punto.


Mesi fa sono stata già contagiata dalle sue parole ed è nata questa immagine ispirata da questa sua poesia:

Così sale un arcobaleno in quota -
l’occhio è un mirino, a fissarlo non lo scorge -
inchiodato al cielo tra gola e vetta
come a immortalar se stesso.

Così sono io, l’occhio e il mirino -
il volo del gipeto che trafigge l’iride -
ospito domande immense nelle vene
senza arrestare lo schiocco.

Nulla e’ sublime più che attraversare il mondo
lasciandolo immutato.

E ora ho anche il suo libro sul mio comodino...





[con una dedica così]


Fosca Massucco
L’occhio e il mirino
Interventi di Dante Maffia e Luigi Papandrea
“I codici del ’900″, L’arcolaio, 2013



1 commento:

Laura Saleggia ha detto...

splendide tutte e due.....occhio e mirino...complimenti....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...