giovedì 26 marzo 2009

Dell'arancia non si butta via niente

E' la mia alternativa al maiale. Vi mostro come ho utilizzato tutte le parti di una cassa di arance biologiche che facciamo venire mensilmente dalla Sicilia attraverso il nostro piccolo GAS.


Non mi soffermo sulla possibilità di farci delle spremute e sui vari modi mi mangiarla come frutta perchè mi pare alquanto scontato.
Si sa quali sono le proprietà del succo fresco dell'arancia. Lo sappiamo che è ricchissimo di vitamine, che depura il sangue e migliora la digestione. Ma oltre le vitamine contiene anche calcio, fosforo e magnesio e facilita la formazione dei tessuti.


LA BUCCIA

Parto dalle molteplici usi della buccia - chiaramente solo nel caso delle arance bio. Ho trovato tante, tantissime idee intelligenti e sfiziosi in questo blog, la ricetta della scorzette di arancia al cioccolato è una di queste. Io ne vado matta perciò ho voluto provare subito.

C'è un bel pò di lavoro da fare ma ne vale la pena.

Non so come dimostrarvelo, ma sono buonissimi. Vi dovete fidare.


L'utilizzo della buccia non è finito qui. Già che c'ero ho preparato qualche vasetto di scorze candite con il prodecimento di prima e bollendo i vasetti a bagno maria. Le uso nei ciambelloni, biscotti, budini e torte di ricotta. Anche nella crema ci sta bene.


Ho anche essiccato un pò di scorze d'arancia per farci delle tisane. E' molto semplice farlo: si devono pelare le arance e disporre le bucce ad asciugare in luogo ventilato per qualche giorno (anche sul termosifoni se sono accesi) rigirandole di tanto in tanto. Quando saranno asciugate, tritarle grossolanamente e conservarle in un barattolo. Dureranno almeno fino all'autunno, quando saranno nuovamente disponibili le arance fresche.


Si può fare un'ottima tisana anti-acidità (un cucchiaio di scorze d'arancia per una tazza d'acqua bollente da lasciare in infusione per 20 minuti e da assumere prima dei pasti) e anche un infuso digestivo (30 gr di buccia di mela, 30 gr di scorze d'arancia per una tazza, da lasciare in infusione per 10 minuti e da sorserggiare dopo i pasti per ovvi motivi).


In Corea la tisana di bucce d’arancia seccate è usata per alleviare la fatica e prevenire i raffreddori d’inverno. Questa tisana viene preparata con le bucce di arancia seccate, che vengono anche usate come ingrediente salutare nella medicina tradizionale erboristica. Con un profumo ricco e un alto contenuto di vitamina C, questa tisana è efficace nello stimolare l’appetito e nel migliorare l’aspetto della pelle.

Poi mi è stato segnalato da Zsu la ricetta della "polverina magica all'arancia". L'intero blog è fantastico, con ricette strepitose e foto da copertina, ci rimarrete incollati per ore sbavando.

32 commenti:

Perline e bottoni ha detto...

Sai che io ho usato un decotto di foglie di arancio per combattere i fastisiosi mal di testa da sinusite?! Io ho in giardino un albero di limoni e vai con matmellate, limoncelli e creme di limoni...

enikő ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
enikő ha detto...

Allora potresti condividere qualche ricetta con noi. La crema di limoni mi incuriosisce molto.

Sicuramente per te queste cose sono scontate, ma io che vengo dalla città tutto è una scoperta e ne sono così felice. Il fatto di autoprodurre le cose, il fatto di fare una vita più sobria con meno sprechi.

Ciao. :)

Danda ha detto...

Noooo!!! A saperlo prima!!! Anche noi un mesetto fa abbiamo ordinato una cassa di arance da 10 Kg dal GAS di zona. Era la prima volta, perché, essendo in due, non riusciamo a mangiarne tantissime e la quantità acquistabile è solo quella. E così le abbiamo un po' distribuite tra i nostri vicini. Tante ce ne sono rimaste lo stesso e abbiamo riempito le nostre buste dell'organico con le bucce d'arancia, visto che sconsigliano di metterle in compostiera. Peccato! E dire che non mi è proprio passato di mente che si potevano fare tutte queste ottime cose. Al mio compagno le bucce d'arancia non piacciono però avrei potuto fare dei bei regalini a tante amiche!
Vabbé sarà per il prossimo inverno! ;)

valentina ha detto...

Bellissime idee! anch'io in questo periodo sto cercando di avvicinarmi ad un altro stile di vita...sto cercando di organizzare con i miei colleghi un gas per acquistare i prodotti di stagione dai contadini...vedremo come andrà a finire :)

ladybug-zen ha detto...

wow! the joys of going organic. every photo is exquisite and i cannot imagine how amazing the chocolate dipped orange peels are...but i'll try.

Rossana ha detto...

Vado pazza per le scorze con il cioccolato. È un post splendido e profumatissimo. :)

Lo ha detto...

anche io ho utilizzato le bucce d'arancia...le faccio candite e le uso poi per la colomba e i panettoni e tutti gli altri dolci, ma non sterilizzo i vasetti. Poi sto proprio essicando le bucce, l'idea della tisana è ottima non la sapevo, io pensavo di polverizzarle e usarle per insalate, dolci...
Mi piacerebbe tanto anche preparare lo sciroppo con il succo, ma da quando ho preso questa decisione abbiamo aumentato il consumo e non me ne avanza mai una!
Bentornata!

beta ha detto...

Interessantissimo post, anch'io le essico (quando trovo quelle naturali) ma le uso solo per profumare dentro i mobili con i chiodi di garofano... non avevo mai pensato di utilizzarle per le tisane (che pure adoro!). Di solito però, almeno una volta l'anno produciamo un liquore d'arancia (ottimo digestivo) e visto che ormai, fra gli amici, è diventato famoso (quando vengono a cena, non si fanno più scrupoli , se non lo tiriamo fuori ce lo chiedono) a novembre ne abbiamo fatto di più e utilizzato per i regali di Natale... le scorzette mi attirano molto, ma a mio marito e ai bambini i canditi non piacciono (però potrebbe essere un'idea per il prossimo Natale ;-) Buon proseguimento di settimana. Beta

Claudia ha detto...

Wow... quante cose tutte insieme....!!! Le bucce d'arancia con il cioccolato devono essere assolutamente deliziose.....
Un abbraccio e ben tornata!

enikő ha detto...

Danda, non disperare! C'è tutta una vita davanti a noi. Dall'anno prossimo puoi iniziare a convertire il tuo compagno a mangiare le deliziose scorzette al cioccolato... ;-)

Valentina, cambiare si può. Datti del tempo poi piano-piano... Intanto mettiti da parte le idee, magari la prossima volta ti serviranno. :)

Ladybug-zen, you haven't ever tried (organic) orange peels with bitter chocolate? You absolutely have to! I'm happy to see you in my blog, it's a honour. :)

Rossana, anch'io ho una passione per queste lecornie. Grazie d'esser passata. :)

Lo, anch'io ho trovato una ricetta di uno sciroppo d'arance, ma un pò mi dispiace far bollire la spremuta, come se mi mettessi ad ammazzare tutte quelle vitamine, uno per uno. Non ce la faccio proprio. :)

Beta, liquore d'arancia? Mmmmm, m'ispira. Ci dai la ricetta? Per quanto riguarda il buon proseguimento, ti ringrazio tanto. Ho la casa piena di bambini malati e germi, mi potrebbe anche andare un pò meglio. A presto. :)

Claudia, grazie cara. :)

ZuccheroFilato ha detto...

Ciao Eniko,

Ho scoperto il tuo blog attraverso La casa nella prateria...seguendo un tuo post..visto il nome..Le scorze d'arancia al cioccolato sono la mia passione!!Un saluto caloroso da un'altra ungherese! Aniko

enikő ha detto...

Szia Anikó! Örülök, hogy benéztél. :)

Zsu ha detto...

Che bel gruppetto di ungheresi siamo ormai!!!

Zsu ha detto...

Belle le tue scorzette,sembrano quelle di mia zia.....che nostalgia.Io proprio in questo periodo sto preparando la polvere d'arancia,(seguendo la ricetta delle "cuochedellaltromondo",modificando solo la procedura):grattugio la buccia delle arancie,evitando la parte bianca(con la grattugia Microplane è un gioco da ragazzi),lo faccio essiccare poi lo riduco in polvere con l'aiuto di un mortaio.Piano-piano sto riempiendo un vasetto con questa "polvere magica".La metto ormai in/su tutto:caffè,budini,dolci da forno.Faccio la stessa cosa coi limoni,il profumo è indescrivibile.

enikő ha detto...

Zsu, non conoscevo la "polvere magica", ma ora mi hai fatto venire voglia di provarla. Mi daresti la ricetta precisa? O almeno dimmi come fai essicare la polvere, semplicemente all'aria come faccio io con le bucce? Caffè e arancia mi sembra un'mix da provare. Szia. :)

Perline e bottoni ha detto...

Scusami per il ritardo nella riposta! Volevi la ricetta della crema di limoni. Credo tu voglia quella del liquore, ma dovrei, se vuoi, avere anche quella della crema di limoni golosissima che si usa a Sorrento per fare quei dolci fantastici che chiamano Delizie, una sorta di profitterole ripieni di questa crema libidinosissima...
Allora. Ricetta liquore crema di limone:
Ingredienti: 5 limoni, 1 l. di alcool, 2 l. di latte intero, 1,800kg di zucchero, 2 bustine di vanillina.
Si mette la buccia dei limoni (la parte gialla) in infusione per 5 giorni. Poi si fa bollire il latte con lo zucchero e vanillina per 10 minuti. Una volta raffreddato, si uisce all'alcool filtrato. Da conservare in frigo o in freezer. Baci baci

dongdong ha detto...

I wish I can read this post in particular. I love anything orange related. But I love dried orange skins and would love to know what wrote.

enikő ha detto...

Perline, grazie mille! Ma mi dici il tuo vero nome così smetto di chiamarti Perline? Comunque mi interesserebbe anche quella crema che tu chiami libidinosissima, che mi è già venuta l'acqualina in bocca al pensiero. :)


Dongdong, i wish my English would be more fluent as it is. Anyway, I wrote about the multiple use of organic oranges - especially of their peel. As you can see I made candied orange peels (I save them in jars and I use them in cakes, cookies, pudings, ecc.) and I made candied orange peels with bittersweet chocolate. They're REALLY delicous, my kids adore them. Anyway, if you're really interested I've found the English version of the same recipe with some little differences (es. I don't role them in sugar and I add some spices like cinnamon and cloves):
http://userealbutter.com/2007/10/09/candied-orange-peels-recipe/.
The other use of the peels: I air-dry them and use them as a tisane against acidity, stomach-ache and indigestion.
If you have any other questions just let me know.
See you. :)

dongdong ha detto...

OH, wow. Thank you so much!!! I really appreciate it. Your English is wonderful. :)
I'm checking out the link you left me. Yum. Thanks again!!

elena fiore ha detto...

Bellissimo post, bellissime foto.
Un connubio perfetto: brava davvero!
Buonanotte...visto la sveglia mattutina ;-)
Ciao, elena

enikő ha detto...

You're welcome. :)

enikő ha detto...

Elena, hai ragione, dopo l'alzataccia di stamattina è il caso che io vada a dormire.
Grazie dei complimenti, non nego che mi facciano piacere.
Ciao. :)

i roberti ha detto...

..che bontà in tutto, l'idea, le foto le tue parole..bentornata!
ti abbraccio
roberta

Zsu ha detto...

Eccomi(in ritardo) con la ricetta della polvere magica.Come l'hai pensato,le buccie si essiccano all'aria,come fai tu.La cosa più importante è sbuccare le arancie evitando la parte bianca che è amarognola(io uso la grattugia).Quando sono belle secche si possono polverizzare col mortaio oppure con un macinacaffè.Un intero post con la ricetta sul blog http://cuochedellaltromondo.blogspot.com/

enikő ha detto...

Grazie Roberta, sei gentilissima come sempre. :)

Zsu, ti ringrazio. Ho anche aggiornato il post aggiungento il link. Lo devo proprio provare visto che mi sono avanzate un pò di arance bio.
Ma sai la cosa buffa? Proprio oggi ho grattuggiato una decina di limoni e le ho messo ad essicare. :)

amrita ha detto...

a me si brucia sempre tutto...però le bucce col cioccolato mi attirano da matti,e l'idea di essiccarle per le tisane...mmmmmmm
p.s.la rospa col cappellino da elfo mette un'allegria infinita!

Zsu ha detto...

Eniko",io durante la giornata (soprattutto quand'è brutta) più volte apro il mio vasetto della polvere di limoni per annusarla,il suo profumo meraviglioso mi fa venire in mente tante cose,sole,mare,fiori,paesaggi belli e mi mette buonumore.Vedrai,anzi sentirai!Avrei un'altra idea(ah,non è la mia,l'ho trovata qui,http://fuszereslelek.blogspot.com/),cioè "un'altra alternativa al maiale":con le foglie dei ravanelli,che finora li ho sempre buttati via e mi dispiaceva,perchè erano bio....dunque ho fatto un pesto strepitoso.Provaci!!

enikő ha detto...

Si, grazie, Zsu. Inserisco i link nel mio post.
Szia! :)

Unknown ha detto...

intanto vorrei farti i complimenti per i mille modi (tutti ben riusciti, da quello che vedo!) in cui hai utilizzato le bucce!
in secondo luofo vorrei chiederti come hai conservato le scorze nel barattolo. Con lo sciroppo della cottura?
Grazie in anticipo!

enikő ha detto...

Grazie per i complimenti!

Allora, presumo che non intendessi le bucce secche. Quelle in umido sono bucce sciroppate e le ho lasciate nello sciroppo (serve per conservarlo). Per sicurezza, ho bollito i vasetti a bagno Maria dopo aver chiuso ermeticamente i vasi così si conserva più a lungo. Sono ottimi nei dolci (alla cioccolata, ciambelloni, cheesecakes, ecc.)

Unknown ha detto...

grazie per la risposta velocissima!!
Si intendevo quelle in umido nel barattolo! scusa, sono stata poco precisa.
Dunque, le hai fatte bollire tre volte come si fa con quelle candite e poi le hai messe nel pentolino con acqua e zucchero e, una volta cotte, le hai invasate con lo stesso sciroppo di cottura. ho capito bene?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...