giovedì 9 giugno 2011

Referendum. Facciamo la nostra parte.


Mancano pochi giorni al Referendum e a costo di sembrare affetta da disturbi ossessivi vorrei parlarne ancora.
Sulla vitale importanza dei quesiti, spero, non ci siano più dubbi. Infatti quello che vi chiedo è un'azione concreta: quella di rimboccarvi le maniche, di parlarne in giro, dalla nonna al vicino antipatico, dal panettiere ai parenti di terzo grado che vedete ogni 8 anni. Per raggiungere il quorum dobbiamo portare al voto almeno 25 millioni di italiani (e non, come me) e visto che nelle reti televisive c'è un oscuramento generale che riguarda il Referendum, STA A NOI a informare, a passare la parola, a creare movimento, a risvegliare menti intorpidite. A mandare mail e sms. A telefonare. A scriverlo nei nostri profili facebook. A stampare delle locandine e flyers reperibili nei vari siti dedicati al Referendum e metterli nelle cassette delle poste dei vicini o a portarli al lavoro, alla scuola dei vostri figli. Mandate in giro catene di S.Antonio, fate spam sfacciato e pesante se serve - perchè è di vitale importanza e molto dipende da NOI.

Noi oggi abbiamo creato delle magliette pro-referendum ad hoc e i bambini sono stati coinvolti attivamente. Nei prossimi giorni andranno in giro informando. Loro sanno per cosa si lotta, cosa c'è in ballo, che possono intervenire, anche se con mezzi ridotti, sul loro futuro.


Il REFERENDUM in sintesi:

Il 12 giugno si voterà per 4 referendum in cui i cittadini sono chiamati a votare per affermare che: la LEGGE è UGUALE per tutti, che NON vogliono il ritorno del NUCLEARE e che vogliono l’ACQUA PUBBLICA! E’ fondamentale che ci rechiamo tutti alle urne per far si che si raggiunga il quorum (50% + 1, 25 milioni di voti), quindi invitate tutti i vostri amici a questo evento, ma soprattutto parlatene con i vicini di casa, nonni, zii, e cugini!
La televisione non dirà nulla, quindi tocca a noi informare chi non possiede un pc!
Facciamo sentire la voce del popolo contro questa casta che pensa solo ai propri interessi!

► Vota SI’ per ABROGARE le 2 leggi (una del governo Prodi e una del governo Berlusconi) per la PRIVATIZZAZIONE dell’ ACQUA
noi voteremo SI’ perché:
- l’acqua è un bene inalienabile per l’uomo, in quanto tale non può essere in mano ai privati, non deve essere soggetta alle leggi del mercato e non deve essere utilizzata a scopo di lucro
- una gestione privata, senza concorrenza, non potrà mai portare ad un miglioramento del servizio.

► Vota SI’ per ABROGARE la legge REINTRODUCE il NUCLEARE in Italia.
noi voteremo SI’ perché:
- è inquinante, pericoloso, antieconomico e non risolve i problemi energetici del paese,
- non vogliamo lasciare in eredità ai nostri figli migliaia di barili di scorie radioattive,
- temiamo infiltrazioni malavitose nella delicata costruzione e gestione degli impianti e delle scorie con tutti i rischi che ne conseguono.

► Vota SI’ per ABROGARE la legge sul “LEGITTIMO" IMPEDIMENTO
noi voteremo SI’ perché:
- la legge è e deve essere uguale per tutti,
- siamo stufi di leggi ad personam,
- deve valere il principio che nessun politico possa essere al di sopra della legge.

RICORDATI CHE PER DIRE “NO” AL LEGITTIMO IMPEDIMENTO, AL NUCLEARE E ALLA PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA DEVI VOTARE “SI’”


Link utili:
http://www.referendumacqua.it/

Locandine scaricabili da distribuire:
Ferma il nucleare!
BattiQuorum
L'acqua bene comune

E ora al lavoro! Buon "attivismo" a tutti! :)

9 commenti:

Barbara ha detto...

Sai che trovo sia stata una bellissima idea aver creato queste t-shirt e coinvolto i bambini? Mi piace :)

Barbara

chiara ha detto...

SI SI SI SI ; )

Anonimo ha detto...

Giusto, rimbocchiamoci le maniche!

Teresa

Wennycara ha detto...

GRANDE ENIKO!!!
Anche io ho pubblicato un post al riguardo, e leggere soltanto 3 commenti mi pare assai indicativo. Perchè, cacchio!!!
Vado a stampare i flyers. Forza!!!

wenny

giu ha detto...

noi ci siamo

giulia

Anonimo ha detto...

Mi piace molto tutto quello che ho trovato nel tuo blog,la scuola steineriana,il senso ecologico,tutto.Non sono d'accordissimo solo su due cose,mi permetto:uno,sui giornali e in Tv mi sembra che il referendum venga ricordato spesso;anche sul Corriere della sera,e in TV su tutte le reti rai e mediaset io vedo la pubblicità ogni quarto d'ora.E poi,ecco io penso che i bambini debbano sviluppare la loro idea.Se no da grandi saranno copie degli adulti.Lo so che direte che bisogna insegnare loro i valori..però su certi argomenti io vedo tanto grigio,anzichè bianco o nero.Anche le imprese statali sprecano sull'acqua,non crediate.E anche le energie alternative (quelle che si prospettano al posto del nucleare in Italia,non tutte le esistenti)hanno i loro bei difetti.Ma non mi dilungo per ora.Io non so cosa votare...spero di non essere stato sgradevole,ciao Ettore

giu ha detto...

Mi permetto di rispondere ad Ettore esprimendo un mio personale punto di vista: per quel che riguarda la questione del referendum sull' acqua, credo si tratti di una responsabilità quasi simbolica. Non lodo la gestione statale ma contesto il fatto che un elemento vitale possa diventare merce. La questione è politica nel più nobile dei suoi significati. Perché quindi non coinvolgere i bambini?
Per quanto riguarda il nucleare, credo che la soluzione non sia nel produrre diversamente, bensì nel produrre meno. Benvenga però il dialogo e lo scambio di idee. Ciò che manca in questo referendum è forse proprio un comitato per il no. E questo silenzio non mi piace.

Sabina Montevergine ha detto...

ciao eniko, come stai? è tanto che non scrivo e non passo, troppo delirio con il lavoro... ma eccomi qua.un abbraccio,

sabina

cooksappe ha detto...

nessun post sull'esito? :D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...