mercoledì 6 aprile 2011

6 aprile


Due anni e ancora nessun progresso!
La nostra casa è sempre da demolire e ricostruire, si fanno progetti su progetti, si spostano le scadenze, si cambiano le linee guida, si rifanno i progetti, si fanno sogni... e intanto penso al Giappone, che a sei giorni dopo il sisma ha ricostruito le proprie strade.


Buona settimana!

16 commenti:

CriCri ha detto...

Ti capisco..
quanta tristezza nelle nostre amministrazioni..
quante cose da imparare dalle altre nazioni..

singlemama ha detto...

un abbraccio sconsolato.
che l'italia sarà sempre ad anni luce dal giappone e dal resto del mondo, si sa.

ornella ha detto...

Questa mattina, facendo colazione nella mia cucina, ho proprio pensato agli amici dell'Aquila che a due anni dal sisma, non vedono ancora nulla della loro bella citta'... se non macerie e tante PAROLE.
Un abbraccio solidale. ornella

Ilaria ha detto...

Un abbraccio. Questo paese ha una classe dirigente vergognosa, io mi vergogno delle tante chiacchere e promesse urlate per consenso e poi il nulla ... che tristezza.

Fra ha detto...

Ti sono vicina, senza parole per la vergogna che provo nei confronti di questa situazione
un abbraccio
fra

luby ha detto...

un caro saluto cara.ti sono vicina e capisco i tuoi pensieri.

Fastidiosa ha detto...

Ciò è molto triste e ti dirò fa scattare anche una certa rabbia purtroppo.
Un abbraccio forte L.

Dreamy Melrose ha detto...

Il Giappone è un altro mondo davvero!!!
In Italia la situazione è triste e vergognosa. Un pensiero di vicinanza per te e tutte le altre persone che soffrono la stessa situazione. A PRESTO*

madamadorè ha detto...

la tua tristezza è la nostra haimè!

nora ha detto...

Che impressione quelle macerie :-(

Paprika&Paprika ha detto...

Ciao Eniko!!
Quanto tempo che non passo da te !!
Le tue foto sono sempre meravigliose!!!
Hai ragione, davvero vergognoso tutto questo..certe volte non capisco come mai l'Italia possa essere considerata ancora un paese civile..succedono certe cose ultimamente...

Annì ha detto...

Non ci sono parole ... Ti sono vicina. Anna

Claudia ha detto...

Cara Enikò... ricordo perfettamente quei giorni... il tuo stato d'animo.. i tuoi post... le tue paure...
Ti sono stata così vicina con il pensiero...
E ora mi dispiace così tanto sapere, che a due anni da quel giorno la tua casa, come del resto tante altre, è ancora li.... in quello stato...
Ti abbraccio forte!

enikő ha detto...

Grazie, ragazze, per le parole, per i pensieri, per gli abbracci. Grazie di cuore!

katia ha detto...

ti sono vicina.... anche se non ho vissuto su di me un disastro del genere vivo in una regione che è stata martoriata due volte a distanza di pochi mesi dal terremoto.... una regione che dovrebbe essere presa d'esempio per come ha saputo reagire ma che invece è stata solo parzialmente ascoltata.... mi auguro che anche da te le cose si smuovano al più presto.... un abbraccio solidale

pandora ha detto...

...ho cliccato su "posta un commento" e adesso non trovo qualcosa di adatto da scriverti, forse davvero l'unica cosa che mi verrebbe naturale sarebbe un abbraccio cara enikő...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...