martedì 3 marzo 2009

Generosità

Premessa:

La figlia rospa studia pianoforte. Il suo maestro è un'amico di famiglia, ex compagno di sbornie (detto con una punta di esagerazione e a bassa voce: siamo persone per bene noi!) ed ex compagno di vari viaggi in giro per il continente (detto con una certa nostalgia). Ma ora è un insegnante come si deve: serio ed intransigente.
La rospa si esercita molto strimpellando a tutte le ore, s'inventa ritmi e motivi tutti suoi, fa delle "improvvisate" pazze in uno stile tutto suo a metà strada tra Bach e Musorgskij o si limita a riprodurre canzoncine semplici.




Quando va a lezione la prima cosa che fa è quella di fare sfoggio delle canzoni che ha appena imparato a suonare da sola. La settimana scorsa si mise a strimpellare con una certa serietà la sigla di Pippi Calzelunghe.

Rospa: Senti cosa so fare! Tu la sai suonare questa?
Maestro-ex-compagno-di-sbornie-e-di-viaggi: No. (con un'ironia quasi impercettibile)
Rospa: Allora, vieni, che te la insegno io.

Io ci ho sorriso per una settimana intera, anzi ogni volta che ci ripenso continuo a sghignazzare e nello stesso tempo a sentirmi orgogliosa della mia figlioletta così ingenua e così generosa. :)

6 commenti:

Lo ha detto...

i rospi e gli gnomi sono teneressimi e assoluti! :)

enikő ha detto...

:D

ernesto ha detto...

tao

enikő ha detto...

:D

Di Cuore ha detto...

.... io perdo la cognizione del tempo quando guardo delle belle foto come le tue!!!

Giuliana

enikő ha detto...

Grazie Di Cuore!
(perdonami, non potevo perdermi l'opportunitá di uno stupido gioco di parole :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...